Title Image

Vittorio Kulczycki: il nostro concerto al Baranci

Home  /  Interviste   /  Vittorio Kulczycki: il nostro concerto al Baranci

Vittorio Kulczycki: il nostro concerto al Baranci

vittorio KULCZYCKI

L’incontro di oggi è con Vittorio Kulczycki, fondatore di “Viaggi Avventure nel Mondo”, tour operator specializzato in viaggi avventurosi. Oltre a quella per i viaggi, Vittorio ha una grande passione per il canto corale; proprio da una sua iniziativa, nel 1999 nasce a Roma il Coro dell’Angolo, un gruppo specializzato nella ricerca ed esecuzione di canti e melodie popolari da tutto il mondo.

Con il Coro dell’Angolo, di cui è presidente, ha partecipato all’ultima edizione del Festival, nel giugno 2019, esibendosi, tra l’altro, in uno dei concerti all’aperto programmati sul Rifugio Gigante Baranci.

ALLORA VITTORIO, RACCONTACI QUESTA ESPERIENZA

 Un paio d’ore prima del concerto siamo arrivati a San Candido, dove eravamo attesi presso gli impianti di risalita per arrivare al rifugio. La salita in seggiovia è stata piacevole e veloce, e tra una chiacchiera con il vicino e lo sguardo perso nel paesaggio a cercare i possibili sentieri per scendere a piedi al ritorno, dopo una decina di minuti il coro al completo era in cima.

UNA VOLTA ARRIVATI  A QUOTA 1500 CHE IMPRESSIONE AVETE AVUTO?

 Un posto splendido, ideale non solo per scaldare le corde vocali prima del concerto ma anche per scattare delle bellissime foto ricordo da custodire nel nostro archivio! Qualche nuvolone sembrava affacciarsi di tanto in tanto ma nessuno di noi gli ha dato troppa importanza, in fondo eravamo in montagna…

E IL CONCERTO?

Dopo qualche minuto ci hanno chiamato per cantare: ci siamo sistemati nello spazio che ci avevano allestito e abbiamo iniziato la nostra esibizione. Eravamo tutti molto concentrati e ben motivati mentre la nostra direttrice, Alessia Calcagni, ci stava guidando con la consueta sicurezza: posso dire che, con grande soddisfazione di pubblico e coristi, è stata una bella esecuzione corale! Certo, le nuvole stavano incombendo minacciose; per fortuna eravamo riparati da una tettoia che ci ha protetti quanto bastava per permetterci di cantare e di portare a termine tutto il nostro programma.

ALLA FINE SIETE RIUSCITI A SCENDERE A PIEDI?

In effetti, alla fine del concerto la nostra intenzione, dopo uno spuntino, era  proprio quella di camminare fino a valle; è una passeggiata facile e non dura più di un’ora. Ma ormai le nubi avevano nascosto le montagne, era difficile credere che avrebbe smesso di piovere a breve…

E allora, a malincuore, ci siamo avviati verso la seggiovia per scendere verso San Candido. Alla fine, siamo arrivati al nostro pullman stanchi, bagnati, ma molto soddisfatti e, soprattutto, pronti per il rientro in albergo dove ci stava aspettando la nostra appetitosa cena tirolese!

 

GRAZIE VITTORIO, SPERIAMO DI RIVEDERVI SUL BARANCI AL PIU’ PRESTO E, NATURALMENTE, SENZA PIOGGIA!

 

it_ITItalian